ARTE E CULTURA
 
 

 

Itinerario Bianco

Dove l’arte si è espressa al meglio delle proprie possibilità grazie al bianco della pietra locale calcarea, la natura non ha potuto far altro che adeguarsi anche cromaticamente.

Trani: la Chianca e il Moscato bianco di Trani
Cattedrali e crociate, marmo mare e moscato. Trani fin dai cartelli stradali si annuncia come «Città del Moscato», uno dei 23 vini Doc della regione, dall’aroma caratteristico e dal gusto vellutato. Trani, dove le specialità della cucina mediterranea vengono rivisitate in chiave moderna, con i grandi sapori della Puglia, il pesce, l’olio e il vino a fare da padroni.

Locorotondo: le Cummerse a chiancarelle e il vino bianco del Locorotondo.
Locorotondo è città famosa per la produzione di vino bianco doc che prende il nome dal luogo. La si nota da chilometri, posta com'è a 416 metri di altezza, ed è inconfondibile per il profilo circolare della struttura urbanistica, per le case con i tetti a spiovente, per la cupola e il campanile della chiesa madre che sovrastano il paese.

Cisternino una sorta di balcone sulla valle d’Itria. La cittadina ha un centro storico che merita una visita attenta e accurata per le strette viuzze che si raggomitolano su se stesse, per i muri bianchissimi degli edifici semplici e lineari, per i fiori coloratissimi che ravvivano i mille balconi, per le scale che ti portano su e giù come su di una giostra, per i numerosi sottopassi e per quelle strane indicazioni toponomastiche dei quartieri riprodotte su belle targhe maiolicate agli angoli delle stradine.

Ostuni: la città bianca per antonomasia e il suo vino bianco Verdeca
Ostuni, la città bianca per antonomasia, guarda verso l'Adriatico, ma dei paesi della Valle d'Itria ha tutto lo splendore. Di giorno ti abbaglia da lontano, di sera, con le luci candide che la illuminano, sembra un'astronave in attesa di spiccare il volo.
E' su di un colle, circondata dalle mura medievali entro le quali è racchiuso il centro storico, con la sua famosa Cattedrale, alla quale si arriva, partendo dalla piazza dominata dalla colonna di sant'Oronzo, patrono della città, attraverso una tortuosa e stretta stradina sulla quale si affacciano decine di negozi. Nel centro storico sono da vedere i portali di alcuni palazzi, ma anche di modesti caseggiati, tutti copiosi di decorazioni.



 

 

   

Copyright © - Coop.P.L.A.T.A. a.r.l. - P.IVA 03162780724 - Realized by LMadv
Tel: 080 4323699 - Fax: 080 4322145 - Email:conny@turismoadarte.com