TRADIZIONI E ARTIGIANI
 
 

 

IL CARNEVALE DI PUTIGNANO

Il carnevale nasce dal ventre prolifico del Mediterraneo, la sua culla è la Grecia, i suoi illustri antenati sono le Feste del dio Dioniso: feste fatte di eccessi, di ebbrezza di declamazione di versi satirici, in cui i ruoli sociali venivano rovesciati: è il momento in cui l’uomo, complice una maschera ( o forse libero dalla sua maschera  convenzionale)può sentirsi parte della sua comunità e recuperare l’identità individuale e quella della piazza. Il lunghissimo Carnevale di Putignano è l’espressione di una comunità operosa e creativa che ha i tratti di Farinella, emblema e maschera identificativa della città, che abbigliata da giullare  sa ridere del mondo e attraverso questo riso, a volte un po’ amaro, operare la catarsi.
La manifestazione parte il 26 Dicembre con la Festa della Propaggini, in cui alcuni poeti si dilettano, in vernacolo, a propiziare un luminoso futuro e continua il 2 Febbraio la Festa dell’Orso, fino all’acme caratterizzata dalle maschere e dalle tradizionali parate dei carri allegorici attraverso cui si fa bella mostra del talento e del lavoro dei maestri cartapestai che , per gran parte dell’anno, impastano e forgiano colossi di carta. Il martedì grasso si scioglie in una festa delirante e quando la festa sembra finita si procede, invece, con il Funerale del Carnevale:protagonista della scena è il singolare corteo funebre che rende omaggio all’estinto rappresentato da un maiale simbolo degli eccessi e al sovvertimento delle regole. L’animale verrà bruciato e sacrificato al periodo di pentimento e di meditazione che seguirà all’indomani:il mercoledì delle Ceneri, infatti, inaugurerà la Quaresima.

 

 

   

Copyright © - Coop.P.L.A.T.A. a.r.l. - P.IVA 03162780724 - Realized by LMadv
Tel: 080 4323699 - Fax: 080 4322145 - Email:conny@turismoadarte.com